.
Annunci online

redsquare
il mondo in una piazza
 
 
 
 
           
       

ho 29 anni,vivo nel cuore dell'emilia rossa, mi occupo di politica, lavoro con gli stranieri, sono cresciuta con le note di Bandiera Rossa e leggendo Mafalda....qualcuno mi ha definita "Romantica Decadente"

Mi Piace:
la pallavolo, gli uomini, i Pink Floyd,De Gregori, Guccini, De Andrè, i libri di Tondelli e di Pasolini, la poesia e i poeti Maledetti,il cinema, Benigni, l'arte in tutte le sue forme, viaggiare, un buon bicchiere di vino rosso,le serate romane e le chiacchiere con gli amici...






 
6 giugno 2008

nuotando in un mare di sensi di colpa

In questi giorni mi sento un pò così..in balia delle onde, di un mare di sensi di colpa. Pur sapendo nuotare benissimo a fatica galleggio e respiro. Mi riempio le giornate di tantissimi inpegni; lavoro, riunioni, palestra ,beach volley, appuntamenti, cinema.. tutto pur di non rimanere da sola con i miei pensieri. Fanno troppo male. Mi sento inadeguata, fuori luogo, fuori posto! Mi sento terribilmente in colpa verso me stessa e verso le persone a cui voglio bene...ad una in particolare a cui dovrei dire no più spesso ma cui mi concedo spesso..
Vabbè passerà, per oggi basta così!
Posto questa canzone triste ma meravigliosa di De Gregori che mi è stata dedicata ieri...

Bene, se mi dici che ci trovi anche dei fiori in questa storia,

sono tuoi
Ma è inutile cercarmi sotto il tavolo,
ormai non ci sto più
Ho preso qualche treno, qualche nave,
qualche sogno, qualche tempo fa

Ricordi che giocavo coi tuoi occhi nella stanza,

e ti chiamavo mia
E oltre la coperta all'uncinetto,

c'era il soffio della tua pazzia
e allora la tua faccia vietnamita

ricordava tutto quel che ho.

E adesso puoi richiuderti nel bagno

a commentare le mie poesie
Però stai attenta a tendermi la mano,
perché il braccio non lo voglio più
Mia madre è sempre lì che si nasconde dietro i muri
e non si trova mai
e i fiori nella vasca sono tutto quel che resta e quel che manca,
tutto quel che hai

e puoi chiamarmi ancora amore mio

E qualche volta aspettami sul ponte,

i miei amici sono tutti là
con lunghe sciarpe nere ed occhi chiari,
hanno scelto la semplicità
Se Luigi si sporge verso l'acqua sono solo fatti suoi

E ancora mille volte, mille anni, ci scommetto,
mi ringrazierai per quel sorriso ladro e per i giochi, i mille giochi che sapevi già
e ancora mi dirai che non vuoi essere cambiata,
che ti piaci come sei

Però non mi confondere con niente e con nessuno,
e vedrai niente e nessuno ti confonderà

Soltanto l'innocenza nei miei occhi
ce n’è già meno di ieri, ma che male c'è?
Le navi di Pierino erano carta di giornale,

eppure vedi, sono andate via
magari dove tu volevi andare ed io non ti ho portato mai

e puoi chiamarmi ancora amore mio


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amarezza sensi di colpa

permalink | inviato da redsquare il 6/6/2008 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

astrofabio
redirish
il socialista reggiano
ladyoscar
tunnel
gianni cuperlo
studenti di sinistra
il partito
Pacella
irlanda
redturtle
alfatal
Tenax
codadilupo
strega scalza
oscar
Scarlet



me l'avete letto 113854 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     maggio        luglio